venerdì 22 settembre 2017 

Iniziativa popolare "Per una cassa malati pubblica", il Consiglio di Stato rinvia il ricorso del presidente dell'ACSI al Tribunale federale

Il Consiglio di Stato ha dichiarato inammissibile il ricorso in materia di diritti politici – inoltrato il 30 luglio scorso, a titolo personale, da Antoine Casabianca, presidente dell'ACSI – riguardo all'iniziativa popolare «Per una cassa malati pubblica», in votazione il prossimo 28 settembre. Il ricorso rimproverava alcune casse malati di essere state tendenziose, avendo pubblicato nei periodici destinati ai rispettivi assicurati solamente articoli e contributi contro la creazione di una cassa malati unica. Secondo l'ACSI e il suo presidente, tale informazione sarebbe parziale e unilaterale, e quindi lesiva della garanzia di una libera formazione dell’opinione pubblica, tutelata dall’art. 34 cpv. 2 della Costituzione federale.
Il Consiglio di Stato, dunque, non è entrato nel merito del ricorso. Nell'ambito di campagne su votazioni popolari come quella in discussione, quando vengono contestati atti o comportamenti i cui effetti superano i confini  cantonali – perché messi in atto da attori (partiti politici, organizzazioni o altre persone) attivi a livello nazionale – la tutela dei diritti politici del cittadino è  infatti  di competenza del Tribunale federale. Questa decisione è impugnabile al Tribunale federale. Anche i Governi dei Cantoni di Berna, Basilea Città e Ginevra – confrontati a ricorsi di analogo contenuto – hanno adottato,negli scorsi giorni, decisioni in linea con quella del Consiglio di Stato ticinese. Due cittadini, tuttavia, seguendo la via indicata anche dal Consiglio di Stato,hanno già inoltrato ricorso al Tribunale federale. Aspettiamo quindi con interesse la sentenza della massima carica giudiziaria.

3 febbraio 2015


Condividi

Google+

 

ACSI, Strada di Pregassona 33, 6963 Pregassona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: info@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch