mercoledì 20 settembre 2017 

Vendite scorrette: abbiamo fatto 74 denunce penali

Dal 2012 ad oggi le organizzazioni che fanno parte dell’Alleanza - ACSI, FRC, SKS - hanno inoltrato ben 74 denunce penali contro ditte che pur di fare affari se ne sono finora infischiate dei diritti dei consumatori.

I consumatori sanno bene di cosa si tratta: telefonate indesiderate negli orari più inopportuni, vendite online su siti che non rispettano la trasparenza, inviti a iscriversi a registri e annuari “bidone” dal costo spropositato, vendite piramidali o promesse di vincite come esca per vendere... Pratiche che non solo sono dubbie ma spesso anche illegali, in base alla Legge federale contro la concorrenza sleale in vigore dal 2012. Di queste pratiche i consumatori ne hanno piene le tasche: lo dimostrano le 15’200 segnalazioni raccolte dal 2012 a metà dicembre sui siti delle organizzazioni svizzere dei consumatori riunite nell’Alleanza (ACSI, FRC e SKS). 

Consumatori importunati: è l’ora delle denunce penali
Le denunce penali depositate finora sono 74: quelle relative all’asterisco telefonico sono di gran lunga le più numerose. Solo quest’anno sono state inoltrate 12 denunce contro ditte che non hanno rispettato l’asterisco accanto al numero di telefono, indicazione chiara che il consumatore fa inserire proprio perché non vuole essere importunato con telefonate commerciali. Nei casi di mancato rispetto dell’asterisco primeggiano le assicurazioni malattia, i cui promotori chiamano il più delle volte da call-center situati all’estero! Tra le ditte che se ne infischiano dell’asterisco sono ben rappresentati anche i commercianti di vino e i venditori di sistemi d’allarme. Vi sono però anche enti a scopo non lucrativo e case editrici che operano in questo modo: essi sono stati formalmente informati delle numerose segnalazioni giunte nei loro confronti e sono stati invitati a rispettare le regole. Tra le altre pratiche denunciate  vi sono le richieste ingannevoli di iscrizione a registri “bidone”, le “promesse” illegali di vincita (ad esempio, la possibilità di vincere un viaggio chiamando un numero di telefono a valore aggiunto con iniziale 0901) e i siti internet di video per adulti con sistemi di fatturazione discutibili. Per questi ultimi casi, Pulsira, Paypay e Obligo sono stati di recente oggetto di denunce penali presso il Ministero pubblico ginevrino.

Come consumatori abbiamo dei diritti: segnaliamo chi non rispetta le nostre volontà (asterisco accanto al numero di telefono) e chi ci imbroglia. 
Si può fare direttamente da questo sito (Homepage, box colonna a sinistra "Vendite scorrette") o contattando il nostro servizio di consulenza infoconsumi@acsi.ch.

 

7 gennaio 2016


Condividi

Google+

 

ACSI, Strada di Pregassona 33, 6963 Pregassona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: info@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch