mercoledì 20 settembre 2017 

Comunicato stampa

Elezioni federali 2015: votiamo chi si batte per i consumatori!

Candidati e agenda per massimizzare il voto dei consumatori

Nell’imminenza delle elezioni federali per la legislatura 2015-2019 dobbiamo sapere a chi vale la pena dare il voto, al di là delle nostre preferenze politiche e personali. Sì, perché la gran parte dei provvedimenti a tutela dei diritti e degli interessi dei consumatori sono di competenza federale e sono quindi i parlamentari che siedono a Berna a decidere quanto sicuri sono i cibi che mangiamo, quanto equi sono i prezzi che paghiamo, quali leggi ci proteggono da inganni e da abusi e con quale forza.

Nel dicembre 2011 l’ACSI l’aveva promesso e di recente ha dato le pagelle ai rappresentanti della Svizzera italiana al Consiglio nazionale per la legislatura 2011-2015. Si è visto che tra i più attivi paladini dei consumatori - ciascuno con impegno diverso a dipendenza, sembra, anche dallo schieramento politico di appartenenza - vi sono stati soprattutto coloro che avevano sottoscritto la Charta dei consumatori, quindi Marina Carobbio e Marco Romano per il Ticino e Silva Semadeni per i Grigioni (leggi qui).

Ecco perché ora segnaliamo i candidati alle elezioni 2015 che hanno aderito alla nuova Charta per la legislatura 2015-2019, un vero programma di lavoro sulle questioni più urgenti, con questa dichiarazione: “come candidato alle elezioni federali 2015 mi impegno, una volta eletto, a difendere gli interessi dei consumatori per tutta la prossima legislatura, sottoscrivendo gli obiettivi enunciati nella Charta dei consumatori redatta dall’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori ACSI, FRC, SKS”.

Tra tutti i candidati ticinesi sono questi trentanove, 38 al Consiglio nazionale e 2 al Consiglio degli Stati (Germano Mattei è in lista doppia), quelli che potenzialmente, se eletti, permettono di dare il massimo valore al nostro voto di consumatori. Primeggiano i rappresentanti del PS e dei Verdi del Ticino, da sempre più sensibili ai diritti dei consumatori in chiave economico-sociale o ambientale, con la buona compagnia di altre dieci compagini politiche. Totalmente e inspiegabilmente disinteressati alle questioni del consumo, comunque fondamentali per tutti i cittadini, i Verdi liberali, i Liberisti, la Lega sud, i giovani socialisti e dell’UDC.

Nei Grigioni, tra i candidati che rappresentano anche gli interessi della Svizzera italiana, solo i socialisti Semadeni e Pult hanno raccolto il testimone che abbiamo offerto a nome dei consumatori.

Cosa aspettarsi da questi candidati? Con questo impegno i sottoscrittori della Charta hanno affermato di volere un mercato che funzioni correttamente, nel quale i consumatori possono avere fiducia, avendo a disposizione informazioni trasparenti, confrontabili e chiare con cui scegliere prodotti sicuri. Per realizzare questo obiettivo, la Charta sottoscritta indica nove temi chiave su cui lavorare: contratti, telecomunicazioni, servizi finanziari, salute, alimentazione e oggetti d’uso, sostenibilità e energia, azioni collettive, prezzi, mobilità. Vi invitiamo a leggerla attentamente (leggi qui), non solo per vostra informazione ma anche per potere meglio valutare il comportamento degli eletti da voi prescelti. E non dubitate, quanto prima ACSI tornerà ad analizzare comportamenti e risultati conseguiti in Parlamento.

Per vedere il documento ingrandito cliccare sull'icona in basso

Scarica il documento (formato Acrobat/pdf)

7 gennaio 2016


Condividi

Google+

 

ACSI, Strada di Pregassona 33, 6963 Pregassona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: info@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch