venerdì 22 settembre 2017 

Soldi dell'industria farmaceutica ai medici, serve trasparenza

Lo scorso anno le aziende dell’industria farmaceutica hanno versato 155 milioni di franchi a medici, ospedali e strutture sanitarie.  Soldi sui quali, secondo i colleghi della Stiftung für Konsumentenschutz (SKS) e la rivista Beobachter, c’è troppa poca trasparenza.

Stando all’SKS in effetti, il modo in cui questi dati vengono pubblicati rende difficile la loro consultazione. Inoltre c’è la possibilità, da parte di chi riceve i soldi, di restare nell’anonimato. Possibilità di cui molti fanno uso.

SKS e Beobachter hanno voluto fare chiarezza e sul sito della SKS è ora possibile consultare i dati in maniera accessibile. Si può così vedere quali medici nel 2016 hanno ricevuto denaro dall’industria farmaceutica, e quali somme (esclusi ovviamente gli anonimi). Non mancano i medici ticinesi.

Secondo la SKS questa situazione dimostra che l’autoregolazione del settore farmaceutico, nonché la sua spesso decantata trasparenza, non funzionano. È del resto del tutto impossibile parlare di trasparenza quando circa la metà dei pagamenti avvengono nell’anonimato.

Questo tipo di flussi di denaro non trasparenti sono particolarmente problematici in un settore come quello sanitario. Molti studi hanno dimostrato che i medici in questo modo possono essere influenzati notevolmente nella decisione di prescrivere o meno un dato farmaco. Questo denaro rappresenta quindi un buon investimento per l’industria farmaceutica, ma rischia di essere nocivo per la salute dei pazienti.

Alla luce di tutto ciò, le organizzazioni dei consumatori richiedono che queste sovvenzioni vengano regolamentate. Innanzitutto, per garantire una maggiore trasparenza e facilità di consultazione dei dati. In secondo luogo, per distinguere i finanziamenti che servono alla ricerca, allo sviluppo, all’istruzione o ad altri obiettivi utili da quelli che hanno invece scopi di marketing, che devono essere vietati.

 

Collegamenti alle pagine del sito SKS (in tedesco):

Link 1

Link 2

 

13 settembre 2017


Condividi

Google+

 

ACSI, Strada di Pregassona 33, 6963 Pregassona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: info@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch