Cerca e TrovaI Mercatini ACSI > Regolamento dei mercatini 
venerdì 28 aprile 2017 

Regolamento dei Mercatini ACSI

Regolamento dei Mercatini ACSI (M-ACSI) 

1. Definizione e scopo

1.1 Conformemente all’art.4 lettera e dello statuto l’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI) istituisce e gestisce dei mercatini dell’usato denominati M-ACSI. L’apertura di nuovi mercatini è subordinata ad approvazione da parte del Comitato direttivo (CD), sentiti la coordinatrice/il coordinatore e tutte/i le/i responsabili dei M-ACSI.

1.2 Lo scopo dei M-ACSI è di:

  • offrire in vendita, per conto di consumatrici e consumatori oggetti usati a prezzi contenuti, prolungandone la durata d’utilizzo e contribuendo così a ridurre lo spreco.
  • sensibilizzare consumatrici e consumatori ad acquisti e a comportamenti il più possibile compatibili con uno sviluppo sostenibile.
  • informare consumatrici e consumatori sulle attività dell’ACSI.
  • fungere da centri locali di aggregazione nell’ambito delle attività dell’ACSI.

1.3 Alcune norme e parametri operativi per la gestione dei M-ACSI vengono regolati nelle “Disposizioni amministrative dei M-ACSI” (DA) emanate dal CD nell’ambito delle proprie competenze, sentiti la coordinatrice/il coordinatore e le/i responsabili dei M-ACSI.

2. Responsabilità

2.1 Ogni M-ACSI è sottoposto a una/un responsabile la cui nomina deve essere approvata dal CD e dallo stesso riconfermata di anno in anno, immediatamente dopo l’Assemblea generale. Di regola viene nominata/o una candidata/o proposto dal M-ACSI.

2.2 La/il responsabile organizza il lavoro, gestisce il personale, fissa gli orari di apertura e dispone delle risorse del mercatino tenendo conto della necessità e delle peculiarità locali. Può designare una cassiera/un cassiere.

2.3 Il CD delega a una/un coordinatrice/tore la responsabilità di vigilare e di coordinare le attività dei M- ACSI e di curare i loro rapporti con gli organi dell’Associazione. Alla/al coordinatrice/ore viene fatto obbligo di partecipare ai CD quando all’ordine del giorno vi sia un tema che concerne direttamente i M-ACSI.

2.4 Le/I collaboratrici/ori dei M-ACSI devono essere socie/i dell’ACSI e condividerne e promuoverne i principi e gli obiettivi.

3. Servizio di vendita

3.1 I M-ACSI prendono in consegna da terzi (proprietaria/o), da mettere in vendita per loro conto, unicamente quelle categorie di merci, articoli o indumenti usati (oggetti) - puliti, in buono stato e commercialmente proponibili - che rientrano nelle categorie elencate nelle DA. Per eventuali difetti o danni creati da questi oggetti rispondono direttamente i proprietari.

3.2 Può essere accettato un massimo di 10 oggetti per volta. Il prezzo di vendita viene concordato tra la proprietaria/il proprietario dell’oggetto e il personale dei M-ACSI.

3.3 L’oggetto invenduto e non ritirato entro la scadenza concordata, diventa di proprietà del M-ACSI, che ne decide la destinazione.

3.4 Almeno la metà del ricavo della vendita dell’oggetto spetta alla proprietaria/al proprietario; il rimanente è destinato al M-ACSI a copertura delle spese. La chiave di riparto viene stabilita nelle DA.

3.5 Gli importi non ritirati dai proprietari entro 2 anni dalla consegna degli oggetti venduti vengono integrati dal M-ACSI quali ricavi.

3.6 Di regola i M-ACSI restano aperti al pubblico 3 mezze giornate la settimana, durante i periodi di apertura delle scuole.

4. Gestione finanziaria

4.1 La cassiera/il cassiere di ogni singolo M-ACSI tiene la contabilità a partita semplice che sarà controllata dai revisori dell’ACSI. Il capitale dei mercatini figura separatamente (conti d’ordine) nel bilancio dell’ACSI.

4.2 Le entrate dei mercatini servono per:

  • coprire le spese vive
  • versare al personale le indennità e le eventuali gratifiche
  • alimentare il conto proprio e il fondo comune di riserva.

Le spese che superano i Fr. 3000.– sono subordinate ad approvazione da parte del CD come da art.8 degli statuti dell’ACSI.

Le varie indennità per il personale sono fissate nelle DA.
Il limite annuo globale di spesa per il personale per i singoli M-ACSI è fissato nelle DA.

Le gratifiche per il personale vanno distribuite solo a revisione dei conti avvenuta. Possono ammontare fino ad un massimo del 20% dell’utile annuo. Può inoltre essere distribuita quale gratifica l’intera eccedenza del conto proprio qualora questo superi l’importo fissato nelle DA.

5. Fondo comune di riserva (FCR)

5.1 Il FCR è gestito dai M-ACSi sotto la supervisione dell’ACSI e serve a finanziare eventuali spese straordinarie di logistica o pubblicitarie, a tamponare momentanee mancanze di liquidità, a coprire eventuali deficit d’esercizio o altre situazioni d’eccezione che potrebbero verificarsi nei M-ACSI e esclusivamente per questi scopi.

5.2 Per far capo al FCR va inoltrata domanda scritta e documentata alla/al coordinatrice/tore che valuterà la richiesta assieme alle/agli altre/i responsabili dei M-ACSI. Ogni M-ACSI può richiedere un contributo pari al massimo all’importo del capitale a disposizione del FCR, diviso il numero dei M- ACSI in attività. Il M-ACSI che ha beneficiato di un contributo dovrà restituire interamente la somma percepita appena le sue finanze glielo permetteranno e non potrà ricevere altri contributi fino a quando non avrà estinto il suo debito nei confronti del FCR. Per importi superiori ai Fr. 3000.-, come da statuti dell’ACSI, la/il coordinatrice/tore trasmetterà la richiesta al CD.

5.3 Quando alla chiusura dei conti l’ammontare del FCR scende al di sotto del minimo fissato dalle DA si deve provvedere ad alimentarlo facendo capo al capitale proprio dei M-ACSI, con versamenti compatibili con la loro situazione finanziaria, misurata tramite la capacità di fare fronte alle spese proprie e la disponibilità di un capitale di almeno Fr. 5'000.-.

6. Chiusura
6.1 La chiusura di un M-ACSI avviene automaticamente quando alla chiusura dei conti il suo capitale

proprio sarebbe azzerato nonostante l’aiuto del FRC.

6.2 In caso di chiusura di un M-ACSI gli eventuali fondi restanti andranno a favore del FCR, riservata la distribuzione di eventuali gratifiche secondo l‘art 4.6.

6.3 In caso di chiusura di tutti i M-ACSI gli eventuali fondi restanti andranno a favore dell’ACSI.

Annulla e sostituisce quello approvato dal CA del 19 settembre 2006 Approvato dal CE il 22 ottobre 2008
Approvato dal CA ed entrato in vigore il 9 dicembre 2008

Modifiche formali per adattare il testo ai nuovi statuti ACSI approvate dal CD il 31 maggio 2012 Approvato dal CD il 25 ottobre 2012
Modifiche concernenti il FCR proposte dai M-ACSI e approvate dal CD il 21 maggio 2015.

Entrata in vigore il 1 giugno 2015. 

 

 

Le Disposizioni amministrative (DA) dei M-ACSI sono a vostra disposizione in formato Acrobat/pdf

Per vedere il documento ingrandito cliccare sull'icona in basso

Scarica il documento (formato Acrobat/pdf)


Condividi

Google+

 

ACSI, Strada di Pregassona 33, 6963 Pregassona - tel. 091 922 97 55, fax 091 922 04 71 - email: info@a*TOGLIEREQUESTO*csi.ch