I nostri test Prodotti e ingredienti

Miele – Novembre 2016

Sugli scaffali dei grandi magazzini troviamo una derrata alimentare mondializzata e dalle origini a volte vaghe, ma esente da pesticidi. Due le spiegazioni: anzitutto, l’ape depura il frutto del suo lavoro e i pesticidi rimangono nei suoi grassi. Inoltre, le molecole tossiche, poco solubili nell’acqua, non si fissano sul nettare di fiori essenzialmente acquosi. Si trovano invece sostanze indesiderate nelle cere, nel polline o nella propoli, una resina che le api usano per sigillare, incollare e disinfettare le cellette.