Autodifesa del consumatore Prodotti e ingredienti Scelte alimentari

MySwissFoodPyramid: l’abbiamo provata

Ebbene sì, qualcuno all’interno della redazione de La borsa della spesa si è offerto volontario per testare MySwissFoodPyramid, la nuova app che ci insegna a mangiare un pò meglio. Fa parte del Piano d’azione della strategia nutrizionale svizzera.

L’app è scaricabile dal Play Store / App Store del vostro telefonino.

Di che cosa si tratta dunque concretamente?

Per tre giorni, abbiamo informato costantemente Luca (c’è anche il personaggio femminile, Anna) su tutti i cibi e le bevande che abbiamo assunto. Facendo in modo, ovviamente, di mangiare in maniera piuttosto “normale”, nella media rispetto a come faremmo di solito. Perché l’esperimento funzioni, bisogna essere rigorosi: ogni snack o bicchiere d’acqua va annotato nella chat dell’app. Ad ogni annotazione segue una risposta gentile di Luca.

Al termine dei tre giorni, Luca ci ha dato il suo verdetto. E non c’è da stare troppo allegri. Senza aver fatto particolari “follie” nel corso di questi tre giorni, ne è infatti risultata una piramide alimentare un pò diversa da quella raccomandata, anche se non tutto è negativo.

Come si può vedere nell’immagine, sono due le parti della piramide ad essere fuori dai limiti… in particolare, la vetta! Da notare che alcuni livelli sono invece sottorappresentati. Ovviamente, se la misurazione fosse avvenuta in tre giorni differenti, i valori avrebbero potuto anche cambiare – nel bene e nel male – di parecchio. Ma è comunque utile per avere un’idea, in particolar modo su quanto sia facile “sforare” nella parte più alta della piramide!

Dopo averci mostrato la nostra piramide, Luca ha proseguito con una lunga serie di informazioni e raccomandazioni, alcune sotto forma di quiz – alle quali non sempre abbiamo saputo rispondere in maniera corretta!

Una cosa particolarmente utile dell’app è che una volta terminato il tour, tutto rimane facilmente consultabile nel proprio “zaino” virtuale (la propria piramide, le informazioni dateci da Luca). Un esperimento utile e al contempo stimolante che vi consigliamo!