Buono a sapersi Animali, giardino, orto Rischi per la salute

Zecche: istruzioni per una pacifica convivenza

L’arrivo della bella stagione ci fa venire il desiderio di uscire a goderci una bella passeggiata nel nostro territorio. Il rischio per noi e per i nostri cani è di ritornare a casa in compagnia. Di una zecca. Di seguito abbiamo riassunto alcune utili informazioni fornite dall’Ufficio del medico cantonale per convivere serenamente con questi acari dei boschi.

Che cosa sono le zecche?
Non si tratta di insetti ma sono parenti di ragni e scorpioni. In Svizzera al momento attuale sono state censite una ventina di specie di zecche, nel mondo invece se ne trovano fino ad 800 e più. Si nutrono di sangue 3 volte in tutta la loro vita, non volano, non saltano e non cadono dagli alberi. Amano vivere in zone umide come prati, tra le felci, nei cespugli e a ridosso di corsi d’acqua dove restano ferme in attesa del passaggio del loro pasto.

Le zecche trasmettono malattie?
Sì, numerose e differenti patologie. In Svizzera si conferma la presenza di due malattie da zecca: la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite da zecca. Anche i nostri animali domestici sono esposti a possibili malattie infettive trasmesse dalle zecche come la Babesiosi, la Erlichiosi e la Borreliosi. In Ticino queste infezioni sono però state riscontrate in casi isolati.

Borreliosi di Lyme: presente in Ticino!
In Svizzera tra il 5 e il 50% delle zecche sono portatrici di questo batterio, in Ticino questo valore si aggira attorno al 15%. La malattia può colpire la pelle, le articolazioni, il sistema cardiaco ed il sistema nervoso.

Meningoencefalite da zecca (TBE)
Questa malattia non è presente alle nostre latitudini ma lo è in altri cantoni della Svizzera, in particolare a Nord delle Alpi, con una concentrazione importante nei cantoni dell’altopiano. In queste zone a rischio, tra lo 0.5 e il 3% delle zecche sono portatrici del virus. L’ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) raccomanda la vaccinazione contro il virus della meningoencefalite da zecca alle persone che frequentano le zone a rischio in Svizzera e all’estero. Nel 2016 è stata riscontrata la presenza del virus TBE in alcune zecche dell’Alta Valle Maggia ma i dati raccolti non ne confermano necessariamente l’inizio di un focolaio.

Quanti sono i morsi da zecca su uomo registrati annualmente in Svizzera?
L’UFSP tramite i dati forniti dai medici sentinella ha stimato per l’anno 2017 (da gennaio fino alla fine di ottobre) 24’000 consultazioni per morsicature da zecche.

Prevenire è meglio che curare
Tenendo d’occhio questi piccoli consigli, sicuramente vivrete delle splendide gite. Per informazioni più approfondite, contattate l’ufficio del medico cantonale oppure parlatene con il vostro medico.
Per informazioni aggiuntive recatevi su www4.ti.ch/dss/dsp/umc, poi cliccate su “cosa facciamo”, “malattie infettive” e infine su “zecche”. Per chi fosse interessato, è anche disponibile l’app “Zecca”, scaricabile dal Play Store o dall’App Store.

Lolly Camen

Per ulteriori consigli, vedi pagina 13 de La borsa della spesa 3/2018.